Intervista Birrificio Del Forte.

maggio 13, 2013 |  da  |  Il birrificio risponde

Birrificio Del ForteCarlo, detto Zurgo, e Francesco sono proprio due ragazzi in gamba. Raccolgono personalmente il luppolo, lo fanno fermentare e curano ogni dettaglio della produzione. Ma non perdono occasione per divertirsi, organizzando e partecipando ad eventi e manifestazioni. Guasconi, come solo i toscani sanno essere, e attenti come chi non ha fatto altro che birra, per tutta la vita. E invece la loro avventura è iniziata solo nel 2010.
Li abbiamo intervistati, per raccontarci la storia del Birrificio del Forte.

So che il Birrificio del Forte è giovane, ma voi sembrate avere già le idee piuttosto chiare, per essere due novizi. Come è nata e quali esperienze hanno nutrito la vostra passione per la birra?
Francesco ed io abbiamo iniziato a produrre birra a casa, una decina di anni fa. Ma lo sapete che ci siamo conosciuti proprio grazie alla birra? Prima di aprire il birrificio, oltre ai numerosi viaggi all’estero, siamo stati soci fondatori di un’associazione per la promozione della cultura birraria che si chiama Ars Birraria.

E così avete deciso di aprire il vostro birrificio. Qual è la filosofia del Forte?
Proprio così! L’esperienza con l’associazione e i numerosi viaggi ci hanno fatto appassionare sempre di più alla birra, fino a quando ci siamo resi conto che l’”hobby” stava diventando quasi un lavoro! Così ci siamo detti, perché no? E abbiamo deciso di mollare i nostri impieghi per dedicarci completamente al birrificio. La nostra filosofia è semplice, ma ‘forte’: piacere e facilità di bevuta, senza sacrificare gusto e pienezza, unita a costanza produttiva ed equilibrio.

Bravi, bisogna credere sempre nei propri sogni. Ad oggi quante persone lavorano nel vostro birrificio?
Due: Francesco ed io. Inutile dire che servirebbero altre forze!

E invece una curiosità tecnica: che tipo d’impianto di produzione utilizzate?
Il nostro è un impianto a due tini da 10 HL prodotto da Impiantinox.

francescoRealizzate corsi di formazione per coloro che distribuiscono la vostra birra nei locali?
Sì, ci è capitato di farlo.

Ho curiosato un po’ su Facebook, sulla fan page del Birrificio del Forte. Ci sono tantissime foto di eventi ai quali avete partecipato. Quanto sono importanti per la promozione di un prodotto? Sempre in quest’ottica, organizzate degustazioni presso il vostro birrificio oppure stringete collaborazioni con i locali della vostra regione?
Gli eventi sono fondamentali per far capire al pubblico che dietro la birra c’è passione, sacrificio… insomma ci sono delle persone! Per questo motivo collaboriamo con diverse realtà del nostro territorio.

Noi di Portale Birra siamo affascinati dai dettagli. Abbiamo notato che le vostre etichette retrò e, soprattutto, i nomi delle birre, che spesso si ispirano alla vita marinara. Quante sono le tipologie prodotte?
Attualmente produciamo 5 tipologie di birra: 3 di ispirazione belga (Gassa d’amante, La Mancina, Regina del mare) e 2 inglese (Meridiano 0 e 2 Cilindri).

Qual è la perla del vostro birrificio?
Difficile scegliere: se guardiamo i premi sicuramente la 2 Cilindri.

Avete mai collaborato con altri birrifici?
No, al momento no.

E’ cambiato l’atteggiamento del consumatore di birra artigianale, rispetto a dieci anni fa?
Più che altro sono aumentati di numero, di conseguenza le richieste e le esigenze stanno cambiando.

Cosa significa fare il birraio?
Lavorare 13-14 ore al giorno, spesso 7 giorni su 7, per quanto riguarda la produzione. E poi nel week end, bisogna pensare alla promozione. È necessario partecipare a fiere ed eventi di vario tipo. Non è facile imparare a gestire un’impresa, dalla produzione alla contabilità, e scordarsi di guadagnare. La cosa meravigliosa è che questi sacrifici vengono ricompensati dalle espressioni è dalle parole dei tuoi consumatori.
birrificio del forte premiazione
Come si può migliorare il controllo qualità?
Il controllo qualità è un aspetto in continua evoluzione: si parte dalle cose più semplici fino ad arrivare ad essere quasi scienziati!

Quali premi o riconoscimenti ha ricevuto il birrificio del Forte?
La nostra Gassa d’amante ha vinto l’Argento a Birra dell’anno 2012 e il riconoscimento Slow Food “Birra quotidiana”
La Mancina è stata Oro all’European Beer Star 2012 e bronzo a Birra dell’anno 2013, mentre la 2 Cilindri si è guadagnata l’Argento all’European Beer Star 2012, l’Argento a Birra dell’anno 2012 e 2013 e il riconoscimento Slow Food “Grandi Birre”

birrificio del forte luppoloVendete anche all’estero?
Stiamo iniziando.

La birra artigianale non è un drink ma… qual è la definizione migliore che dareste?
…una compagna di viaggio.

Il mondo della birra artigianale non è più esclusivamente maschile, lo potreste confermare?
Sì, ma c’è ancora tanta strada da fare. A mio avviso le donne hanno una capacità e una sensibilità gustativa superiore a noi uomini.

Si sta diffondendo il fenomeno di produzione delle birre su commissione per altre aziende, lo fate anche voi?
E’ capitato ma non ci piace assolutamente come filosofia.

Grazie per la piacevole chiacchierata, ragazzi. Ci vediamo in Versilia, noi saremo quelli in spiaggia, con musica nelle orecchie e occhiali da sole, impegnati a sorseggiare una delle vostre birre!

Per ordinare e ricevere direttamente a casa tua una cassa di birra artigianale, dai un’occhiata allo shop di Portale Birra.



Leave a Reply

Codice di verifica: