Portale Birra intervista Leonardo Romanelli, autore del libro “La birra in tavola e in cucina”.

novembre 4, 2013 |  da  |  Birra e Cibo, Portale Birra

Questa settimana Portale Birra intervista Leonardo Romanelli. Giornalista, sommelier e protagonista di trasmissioni televisive come “Chef per un giorno”. Ma soprattutto autore del libro “La birra in tavola e in cucina“. Dall’antipasto al dolce, nel libro di Leonardo troverete tantissime ricette a base di birra. La nostra bevanda preferita, oltre ad essere fonte di ispirazione per pensieri filosofici diventa fonte di stimoli in cucina. Ma facciamoci raccontare qualcosa da lui. la birra in tavola e in cucina

Un sommelier ed esperto di vini con la passione per la birra. Come nasce l’idea di scrivere il tuo libro “La birra in tavola e in cucina”?
Mi sono sempre chiesto come mai, nei ricettari classici, l’unica ricetta che prevedesse l’utilizzo della birra in cottura fosse il “Pollo alla birra”. Ma come, nella miriade di proposte culinarie, un solo piatto possibile, pensavo? Da lì l’idea di provare a sperimentare una nuova strada, quella di impiegare la birra con la maggior parte di ingredienti possibili ed eccoci arrivati alle cento ricette. In realtà, 75 sono mie e 25 sono state gentilmente regalate da cinque amici chef che mi piace citare. Sono Sergio Maria Teutonico de “La Palestra del Cibo” di Torino, Matia Barciulli dell’”Osteria di Passignano ” di Tavarnelle Val di Pesa, Aurora Mazzucchelli del ristorante “Marconi” di Sasso Marconi, Moreno Cedroni de “La Madonnina del Pescatore” di Senigallia e Marco Stabile di “Ora d’aria” di Firenze

Sei sempre stato appassionato di birra?
La passione per la birra si sviluppa pienamente nel 2006. Prima ero un consumatore come tanti poi in quell’anno organizzai un corso di degustazione di birra che doveva essere tenuto da Luca Gatteschi, grande esperto e mio collaboratore ai tempi di Slow Food Firenze. Per inciso, medico sportivo nella staff della Nazionale di calcio maschile. Fatto sta che quell’anno viene fatto partire per Berlino poco prima dei Mondiali di calcio ed io, mio malgrado, devo tenere il corso senza la sua presenza! Una bella lezione che mi è servita molto anche per il futuro, e mi ha dato modo di conoscere meglio un settore altrimenti inesplorato.

Qual è la tua preferita?
Non esiste una birra preferita, esistono birre adatte ad ogni momento diverso. Forse quelle che preferisco bere, perché mi capita di rado sono i Lambic belgi, birre a fermentazione spontanea, complesse e diverse ogni volta che le stappi, ma proprio per questo entusiasmanti.

L’atteggiamento del consumatore di birra, rispetto a dieci anni fa, è molto cambiato. Adesso non è più considerata solo una bevanda da accompagnare alla pizza. Qual è l’abbinamento più originale, e gustoso, birra-cibo?
Beh di passi ne sono stati fatti tanti. Si iniziò con le birrerie alla fine degli anni Settanta, poi con le paninerie che erano l’anteprima degli attuali pub, quindi la birra che diventa protagonista nei primi ristoranti. Ora è più facile trovarla anche in locali che prima non la tenevano proprio. Fra gli abbinamenti quasi obbligati, gli stufati e gli stracotti fatti con la birra che poi la ritrovano a tavola ma direi soprattutto le grigliate a base di maiale, come la rosticciana in particolare, che vede poi nella bevuta di birra il dovuto contraltare.

leonardo romanelliGli operatori del settore, ristoratori e chef, amano la birra oppure preferiscono ancora il vino? Sanno proporla in modo corretto? Daresti loro qualche consiglio?
Oggi sono in molti operatori ad aver capito che la birra è un prodotto che può stimolare le vendite ed hanno imparato a conoscerla bene. L’unico consiglio da dare è di seguire lo stesso percorso fatto per conoscere il vino. Ovvero: non smettere mai di essere curiosi nell’assaggiare sempre nuovi prodotti!

E infine, il tuo piatto preferito che utilizza la birra come ingrediente?
Ho sperimentato più volte il risotto con la birra che ha avuto sempre un grande successo. A me piace molto la birra nelle zuppe o nelle minestre, oppure particolarmente felice l’abbinamento con il dolce, come nel caso del birramisù.

Il birramisù dev’essere delizioso. Andrò a cercare la ricetta sul tuo libro!
Se vi siete incuriositi e vi piace sperimentare, non potete perdervi “La birra in tavola e in cucina”.

Se volete seguirlo, questa è la sua pagina Facebook.



Leave a Reply

Codice di verifica: