Marmellata alla Birra, ecco come è nata e come usarla.

gennaio 11, 2016 |  da  |  News dal mondo brassicolo

Non so se avete mai sentito parlare di “serendipità”. Si usa questo termine ogni volta che si fa riferimento alle scoperte casuali, e felici. “La serendipità è cercare l’ago in un pagliaio e trovarci la figlia del contadino”, diceva il ricercatore americano Julius H. Comroe.
L’esempio più celebre di serendipità è sicuramente Cristoforo Colombo che, partito in direzione delle Indie, si è ritrovato a scoprire le Americhe.
Ma non ci sono solo esempi così eclatanti. Anche la marmellata alla birra è nata per caso. La sua inventrice, Nancy Warner, non aveva più frutta per fare la sua marmellata, per colpa di un inverno rigido e lungo che aveva rovinato il raccolto. Così ha pensato bene di provare con la birra.

marmellate

Dopo alcuni esperimenti mal riusciti, è arrivata alla formula definitiva. E la sua ricetta è diventata talmente popolare che ora vengono prodotti oltre 3.000 vasetti alla settimana.

E se siete amanti della birra, non potete non assaggiarla. Ne esistono diverse varianti, in base alla tipologia di birra utilizzata, ovviamente: Ale, IPA, Stout e tante altre.
“Si può sentire il sapore del malto e dell’orzo caratteristico di ogni tipo di marmellata”, racconta Nancy Warner.
La sua inventrice è un’ex archeologa che ha abbandonato il suo lavoro, per aprire una fabbrica che fa marmellate e conserve fatte in casa. L’azienda si chiama “Potlicker”.
Anche la sua attività di produzione di marmellate è iniziata un po’ per caso. Dopo aver fatto l’archeologa per anni nel sud est degli Stati Uniti si è trasferita insieme al marito in Vermont e non è più riuscita a trovare lavoro. Così ha aperto il suo foodblog, per passare il tempo, e ha finito per appassionarsi alle marmellate. Da lì alla vendita il passo è stato breve.

marmellata

Certo è che nessuno si aspettava un tale successo per la sua marmellata alla birra. Ma dopo averla provata insieme ad un formaggio, magari stagionato, non avrete più dubbi sul perché ne ha così tanto.


Leave a Reply

Codice di verifica: