Stone Brewing– Arrogant Bastard Ale

agosto 8, 2016 |  da  |  Versate&Bevute

Il mito di Stone Brewing nasce a Escondido, in California, nel 1996 ad opera di Greg Koch e Steve Wagner. Il birrificio è considerato una vera e propria icona della rivoluzione brassicola americana.

shutterstock_38740144

Nel 2014 Stone ha deciso di “invadere” l’Europa, aprendo uno stabilimento produttivo a Berlino. Le birre prodotte hanno fatto il loro ufficiale debutto (in fusto) ai tap-takeover sparsi per l’Italia lo scorso aprile. La distribuzione ufficiale invece delle lattine prodotte solo per l’Europa è partita meno di un mese fa. Ecco allora la birra flagship del birrificio, quella Arrogant Bastard Ale, nata per “sbaglio” nel 1995, addirittura prima della nascita ufficiale del birrificio. Nella produzione della Pale Ale venne utilizzato una quantità eccessiva di malto e soprattutto di luppolo. La birra era decisamente diversa dall’idea di partenza ma i due soci la trovarono comunque molto buona. L’iconografia e il nome accattivante ed aggressivo costruiti attorno a questa birra hanno fatto il resto. La birra diventa famosa e bramata da ogni appassionato. La versione europea è prodotta in lattine da 50 cl. Il bicchiere diviene color mogano con riflessi ramati. La generosa schiuma arricchisce visivamente la bellezza di questa birra, donandole un elegante cappello di colore crema. Al naso emerge tanto caramello, sentori di toffee, lievi tostature e qualche accenno resinoso. In bocca è massiccia ma scorre vellutata inondando il palato di amaro. Le note di caramello e zucchero bruciato tentano di dare tregua al tono amaro di questa Arrogant Bastard Ale, che in conformità con il nome risulta spavalda, senza timore alcuno di spaventare il palato dell’avventore.

Giuseppe Triggiani autore del blog Diario Birroso



Leave a Reply

Codice di verifica: